Archivi tag: notizia

scrittori in Valle Intelvi

Tag title:<br /> concorso, letterario, racconti brevi in valle, scrittori, premio, Schignano, Val d’Intelvi, Valle Intelvi, Como, Mauro Madia, comune, biblioteca, Lago di Como, Lago di Lugano, Ceresio, Lario, eventi,<br />


Quarto anno per il
premio letterario di Schignano
Racconti brevi in Valle

Schignano, giovedì 11 febbraio 2021
Giunge alla terza edizione il Concorso Letterario di Schignano; piccolo e poetico borgo della Val d’Intelvi tra il Lago di Como ed il Ceresio.
Voluto ed organizzato Continua la lettura di scrittori in Valle Intelvi

Menaggio la discarica degli alcolisti
Perché a Menaggio regna il caos

Tag title:<br /> Menaggio, alcolisti, abbandono rifiuti, discarica abusiva, microplastica, plastica, inquinamento, pollution, amministrazione Menaggio, Michele Spaggiari, Senagra, Sanagra, foto, fotografie, pictures, photo, immagini, fotografo, Giovanni Salici, concerti, GSnews, GiovanniSalici News, notizieTraLERIVE,<br />


photo © Giovanni Salici AGS20210210_0030
discarica sotto il ponte sul Senagra a Menaggio, 10 febbraio 2021
richieste di immagini ed acquisto sia per pubblicazioni che per privati ad Archivio Fotografico Giovanni Salici


Un problema tra disagio sociale ed
inquinamento ambientale che
non si vuole affrontare

Menaggio, mercoledì 10 febbraio 2021
Uno degli angoli più belli anche se tra i meno conosciuti, molto apprezzato da turisti che si fermano sovente per una immagine ricordo, il Ponte di Sasso sul Senagra (o Sanagra) in via Leone Leoni è ormai da anni diventato un “bruttovedere” (l’opposto del belvedere più tradizionale) a causa di abbandono ed incuria.

La cronistoria

Sotto gli occhi di tutti e portato già a conoscenza dell’amministrazione comunale più volte nel corso degli anni, nonché segnalato anche ad altre istituzioni, sembra che nessuno voglia nemmeno affrontare il problema. Sotto il ponte storico, di sasso, a stretto contatto con le acque del torrente, da anni vi è Continua la lettura di Menaggio la discarica degli alcolisti
Perché a Menaggio regna il caos

Trenord inadempiente sotto la neve

Tag title:<br /> articolo, articoli, neve, snow, Trenord, ferrovie, Trenitalia, treno, train, pendolari, ghiaccio, Lombardia, GiovanniSalici News, GSnews, ice, immagini, inverno, news, notizia, notizie, photo, picture, pictures, Valtellina, Sondrio, Lecco, Morbegno, Tirano,<br />

Tabellone ritardi corse linea Trenord il 29 dicembre 2020

photo © Giovanni Salici TIR20201229_0002
il tabellone dei ritardi di Trenord, 29 dicembre 2020
richieste di immagini ed acquisto sia per pubblicazioni che per privati ad Archivio Fotografico Giovanni Salici


il servizio dei Treni Regionali
prima cancella preventivamente le corse
per il rischio gelo poi accumula 8 ore ritardo

Sondrio, martedì 29 dicembre 2020
La nevicata di ieri sulla Lombardia ha lasciato il segno anche sul Lario est e sulla Valtellina mandando in tilt la rete ferroviaria di Trenord con gravi problemi recati ai pendolari.

Ieri 28 dicembre 2020

La linea Milano-Lecco-Sondrio-Tirano ha nella Continua la lettura di Trenord inadempiente sotto la neve

Dalla a 40 anni dal disco del 1980

Tag title:<br /> Lucio Dalla, musica italiana, Dalla, Lucio Dalla (40th Remastered Illustrated Edition), disco, LP, cassetta, rimasterizzato, foto, fotografie, pictures, photo, immagini, fotografo, Giovanni Salici, concerti, GSnews, GiovanniSalici News, notizieTraLERIVE, Giacomo Triglia, Camilla Ferrari, video, clip, Futura, Balla balla ballerino, Il parco della luna, La sera dei miracoli, Mambo, Meri Luis, Cara, Siamo dei, cultura, spettacolo,<br />


Lucio Dalla (40th Remastered Illustrated Edition)
a 40 anni dallo storico album “Dalla”
torna in una edizione limitata

copertina del dsco Dalla 40, semi volto e testa dii Lucio Dallamercoledì 11 novmbre 2020
Era il 1980 quando Lucio Dalla uscì con uno dei suoi miglior album (a mio modesto parere) che si trasformò in una pietra miglare della sua discografia. L’album, LP o musicassetta (i “nastri” di una volta) si intitolava “Dalla“. Dalla come Continua la lettura di Dalla a 40 anni dal disco del 1980

Stefano D’Orazio, è morto di Covid il batterista dei Pooh

Tag title:<br /> Stefano D’Orazio, morto, muore, scomparso, Covid19, SarsCov2, Pooh, batterista, batteria, musicista, 2020, 7 novembre 2020, Ancora una notte insieme, L’ultima notte insieme, Red Canzian, Roby Facchinetti, Dodi Battaglia, Riccardo Fogli, reunion,musica, cultura, spettacolo, fotografo, Giovanni Salici,<br />


photo © Giovanni Salici POOH_0237
il maestro Stefano D’Orazio al flauto traverso durante il concerto di Vigevano di “Ancora una notte insieme”, 21 luglio 2009
richieste di immagini ed acquisto sia per pubblicazioni che per privati ad Archivio Fotografico Giovanni Salici


Lo storico batterista e compositore dei Pooh
Stefano D’Orazio è morto a Roma il 7 novembre 2020

sabato 07 novembre 2020
Mentre scrivo questo articolo, che uscirà dopo alcuni giorni, sono passate poche ore dalla notizia, appresa durante la notte tra il 6 e 7 novembre, della morte di Stefano d’Orazio.
Scrivo questo articolo in modo diverso, non troppo in forma di notizia ma di un dolore per la morte di una persona che, così come “gli altri dei Pooh” ammiravo, sia umanamente che artisticamente.

I Pooh si amano o si odiano, oppure, piacciono e poi improvvisamente, approfondisci, ti si apre un mondo. A me è successo più o meno così. Sin da Continua la lettura di Stefano D’Orazio, è morto di Covid il batterista dei Pooh

aspettando il deserto

Tag title:<br /> cambiamenti climatici, clima change, emergenza climatica, ghiacciai, ghiacciaio Forni, Alpi, pianura Padania, deserto, CO2, agricoltura, aria condizionata, immissioni co2, inquinamento, pollution, coltivazioni, acquedotti, acqua potabile, allevamenti intensivi,<br />

l’emergenza climatica è un avviso che non riusciamo proprio a leggere correttamente, eppure stiamo andando incontro ad estinzione certa della specie umana
incapaci di un futuro non comprendiamo i segnali di vita


photo © Giovanni Salici-AGSphotoagency.eu All right reserved – Tutti i diritti sono dell’autore
anche il ghiacciaio Pre de Bard in Val Ferret, Val d’Aosta retrocede inesorabilmente, la foto lo mostra il 14 luglio 2008
_GS20080714_1778
richieste di immagini ed acquisto sia per pubblicazioni che per privati ad Archivio Fotografico Giovanni Salici

martedì, 21 luglio 2020
Tutti presi da post emergenze Covid o da come fare per andare al mare, quale aperitivo bere in spiaggia, mettere o no la mascherina, quale ultimo smartphone o videogioco, consolle, acquistare …..

L’ emergenza climatica è una di quelle (davvero) emergenze, che per qualche motivo incomprensibile, non riesce ad entrare nelle teste umane come problema di sopravvivenza. Invece lo è.
L’emergenza climatica farà molti più morti del Coronavirus, lo farà all’improvviso in ben più breve tempo. Ma l’uomo moderno continua, con i propri inseguimenti dell’effimero, a sconvolgere gli equilibri naturali.

Inquinamento da motori di auto e mezzi pesanti, scarichi industriali, allevamenti intensivi con grandi immissioni di CO2 nell’aria, i computer di casa, i numerosi server raggruppati in enormi capannoni sparsi per il mondo, usati per ogni scemenza di WhatsApp o Facebook, Instagram ed altri (non) social… contribiscono inesorabilmente a surriscaldare l’aria contribuendo al riscaldamendo globale.

Il periodo estivo è purtroppo una stagione nella quale (se ne parla poco o per nulla) l’incremento di aria calda (artificiale) immessa nell’ambiente aumenta.

Gli impianti di aria condizionata, sia nei mezzi in movimento, al supermercato, in ufficio, paradossalmente usati per essere più freschi, sono artefici di una ulteriore immissione di calore nell’atmosfera, causando così altri danni. Insomma è un’azione che si morde la coda: senti caldo, vuoi star meglio per un breve periodo, contribuisci a star peggio nel lungo periodo. D’altra parte che ci Continua la lettura di aspettando il deserto

mascherine perdute

Tag title:<br /> dpi, dispositivo di protezione individuale, mascherine, Coronavirus, SARS-CoV-2, 5G, Covid-19, inquinamento, pollution, #SpecieUmanainEstinzione, rifiuti, abbandonati, perdita di memoria, società, mascherina sciarpetta, mascherina gomito, mascherina specchio retrovisore,<br />

la indecorosa fine di una mascherina
dispositivo di protezione individuale di cui l’essere umano ne è indegno

CO-rona VI-rus D-isease, Corona virus, coronavirus (CoV), CoV, Covid-19, Covid19, SARS-CoV-2,

Editoriale

venerdì 17 luglio 2020
Strana società la nostra, l’evoluzione troppo evoluta ha portato ad un grave problema di asincronia tra il presente ed il passato anche prossimo, tra esigere un qualcosa che è giusto esigere e lo svuoto totale di valore di ciò che sembrava essere un elemento indispensabile. E’ in questi tratti, in queste pieghe di pensiero che rifletto con non poca rabbia, ma anche rassegnato, di fronte alla perdita di memoria.


photo © Giovanni Salici-AGSphotoagency.eu All right reserved – Tutti i diritti sono dell’autore
il nuovo inquinamento delle mascherine “rifiuti speciali”, Santo Stefano di Magra, La Spezia, 07 luglio 2020
AGS20200707_0136
richieste di immagini ed acquisto sia per pubblicazioni che per privati ad Archivio Fotografico Giovanni Salici

Non più tardi di 3 mesi fa’ (ma il problema si è rivelato già a distanza di 40 giorni), il Mondo in piena emergenza Covid-19, era alla ricerca disperata di Continua la lettura di mascherine perdute

dietro di noi davanti a noi

Tag title:<br /> Coronavirus e la politica, politici, Stati Generali, SARS-CoV-2, eroi medici infermieri, investimento Sanità, indennizzo Covid autonomi partita iva, cassa integrazione, PonteSulloStretto e 5G,<br />

come i politici si preparano a sperperare risorse mentre i poveri sempre più numerosi non sanno come campare

CO-rona VI-rus D-isease, Corona virus, coronavirus (CoV), CoV, Covid-19, Covid19, SARS-CoV-2,

Editoriale

mercoledì 17 giugno 2020
Certamente non ci siamo trovati all’improvviso in questa situazione.
Si certo, il Covid apparentemente ci è un po’ cascato giù davanti, come un agguato al quale non eravamo preparati.
Ma girala come vuoi, son convinto che la SARS-CoV-2 è comunque frutto di una civiltà oramai persa, frutto di errori, frutto di inquinamento che lo amplifica e lo trasporta, frutto forse di chissà cosa.
Però…. però ha amplificato problemi di varia “natura” (facendo un gioco di parole) legati come scritto sopra all’ambiente, ma legati anche al Continua la lettura di dietro di noi davanti a noi

Val Codera dice grazie a medici ed infermieri

Tag title:<br /> Val Codera, grazie ai medici infermieri, una iniziativa per un enorme grazie, Valchiavenna, Osteria Alpina di Codera, Associazione Amici Val Codera, Covid-19, pandemia, degustazioni, Chiavennasca, Nebbiolo,<br />

un grazie al personale sanitario che ha lavorato alacremente durante il coronavirus

CO-rona VI-rus D-isease,, Corona virus, coronavirus (CoV), CoV, Covid-19, Covid19, SARS-CoV-2,

Associazione Amici Val Codera
Novate Mezzola, lunedì 08 giugno 2020
L’Associazione Amici Val Codera, una valle laterale della Valchiavenna in Provincia di Sondrio, ha lanciato “una iniziativa per un enorme grazie” dedicata a tutto il personale sanitario che si è prodigato nel lavoro durante questo periodo di pandemia Covid-19.

L’iniziativa è parente di altre che si stanno Continua la lettura di Val Codera dice grazie a medici ed infermieri

un presente monouso porta a un non futuro

Tag title:<br /> inquinamento, mascherine, guanti monouso, post virus, Covid19, fase2, rifiuti speciali, abbandonati, pollution, plasticfree, plastica, plastic pollution,<br />


photo © Giovanni Salici-AGSphotoagency.eu All right reserved – Tutti i diritti sono dell’autore
il nuovo inquinamento delle mascherine “rifiuti speciali”, Morbegno 08 maggio 2020
AGS20200508_0085
richieste di immagini ed acquisto sia per pubblicazioni che per privati ad Archivio Fotografico Giovanni Salici

dalla plastica alle mascherine e guanti del Covid19, il virus non ha cambiato l’uomo e la sua superficialità nel rispetto dell’Ambiente e del Pianeta

CO-rona VI-rus D-isease,, Corona virus, coronavirus (CoV), CoV, Covid-19, Covid19, SARS-CoV-2, #SpecieUmanaInEstinzione

venerdì 05 giugno 2020
Ed il Pianeta era in grave crisi ambientale con troppa plastica dispersa ovunque e per lo più nascosta sotto il tappeto (oceani, fiumi, laghi, pesci, terra, acqua potabile), troppo caldo, troppo inquinamento nell’aria, poca voglia di cambiare davvero.
Poi arrivò il Covid-19 ed in breve tempo il Pianeta diede segnali che non lasciavano spazio ad interpretazioni. Animali ripopolavano le strade anche di città, l’aria fu Continua la lettura di un presente monouso porta a un non futuro