Posts Tagged ‘la locomotiva’

Pastura di Menaggio: è di nuovo battaglia

giovedì, gennaio 19th, 2012

Pastura di Menaggio: è di nuovo battaglia

Menaggio, giovedì 19 gennaio 2011
Nonostante il parere contrario della Sovrintendenza ai Beni Ambientali (ne abbiamo parlato in questo articolo del 05 ottobre 2011), oltre il dissenso espresso da Provincia di Como nonché di Comunità Montane Valli del Lario e del Ceresio, l’amministrazione di Menaggio continua nell’iter burocratico per portare alla luce il (altro…)

“tra Scorci e Squarci” scommessa vinta

sabato, novembre 12th, 2011

“tra Scorci e Squarci” scommessa vinta

un pomeriggio a passeggio col comitato civico
“Per una Terra a misura d’Uomo”

Menaggio, sabato 12 novembre 2011
E’ stata una scommessa quella che oggi era prevista a Menaggio, con un raduno semi-improvvisto (Smart Mob) alle 14 in Piazza Garibaldi.
Scommessa che il comitato civico “Per una Terra a Misura d’Uomo – La Locomotiva” aveva lanciato pochi giorni fa attraverso una “chiamata” moderna e diretta, ovvero il contatto individuale, e-mail, invito su facebook, attraverso il sito www.perunaterra.it/lalocomotiva , ed attraverso le pagine del nostro web-media. Nessuna pubblicità tradizionale, nessuna affissione. La scelta e la volontà (altro…)

Tra Scorci e Squarci

giovedì, novembre 10th, 2011

Tra Scorci e Squarci

Menaggio, 10 novembre 2011
Sarà uno Smart Mob o Flash Mob, termine anglosassone che significa più o meno raduno improvvisato di persone (di intelligenze).
I casi più ludici di questo “agglomerarsi” improvviso di folla possiamo ricordarli coi raduni nelle piazze, stazioni, stadi, dove un certo numero di persone improvvisamente si spoglia, oppure si bacia, espone un cartello di protesta, va in bici, si siede per terra, ecc…
Questo sarà invece (altro…)

Cormorani in provincia di Como – un comunicato congiunto emanato da Lipu WWF Legambiente e Per una Terra a misura d’Uomo

domenica, dicembre 6th, 2009

Cormorani in provincia di Como

appello ad una corretta informazione
ed una richiesta: No agli ”abbattimenti selettivi”

Gentili amici,

nella speranza di sentire e leggere in futuro notizie confortate da dati certi, nella speranza che si ponga fine alla richiesta di “abbattimenti selettivi” ogni qualvolta una specie animale cresca semplicemente di numero,
Vi chiediamo, se Vi ritrovate idealmente nel documento sottostante, di inviarlo (come abbiamo fatto noi) sia agli indirizzi e-mail sottoscritti, sia ai Vostri amici o conoscenti che pensate possano nuovamente re-inviarlo agli indirizzi e-mail indicati e ad altre persone.
Lo scopo è quello di riportare (altro…)

“Menaggio, il paese più devastato del Lario”

venerdì, aprile 3rd, 2009

“Menaggio, il paese più devastato del Lario”
così esordisce il consulente Unesco Darko Pandakovic

Menaggio, 02 aprile 2009
Dure parole nella serata al Vanoni di Menaggio dedicate al “Paesaggio” ed alla devastazione del Lago di Como, indirizzate a tutti coloro che stanno partecipando agli scempi. 

Darko Pandakovic sindaco di Brunate, architetto, consulente UNESCO, non usa mezzi termini, e conduce un discorso sull’ambiente, sul paesaggio, la cultura dei luoghi, la memoria, che per oltre un’ora (prima parte) intrattiene più di cento persone accorse all’aula magna del Istituto Vanoni nella serata organizzata dal comitato civico PER UNA TERRA A MISURA D’UOMO – LA LOCOMOTIVA.

L’architetto, tra citazioni di Stendhal e racconti basati sulla storia, passando per argomenti sociali che hanno toccato anche la droga giovanile, ha reso semplici alcuni concetti basilari sull’ambiente ed il territorio facendo capire che per la ricchezza di pochi, la popolazione tutta ci rimette e perde interi paesaggi che hanno reso il lago di Como un mito sin dal ‘500 ‘700.

“La mancanza di certezze nel paesaggio, l’interruzione di questo, interrompe la memoria….(…) dove si perde la memoria si perdono le certezze e non è un caso che in quei luoghi sopravvenga un disagio sociale..(….) diventi preponderante il fenomeno della droga”. 

Ha insistito, l’architetto comasco, anche (altro…)

Quel campeggio non s’ha da fare!

venerdì, novembre 14th, 2008

Quel campeggio non sa da fare!

Carlazzo, 14 novembre 2008
Si è svolto ieri mattina al municipio di Carlazzo, l’incontro tanto atteso in cui i promotori del “progetto turistico sul Lago di Piano” (ovvero la delocalizzazione del campeggio Rivetta) attendevano gli esiti realtivi alla VAS (valutazione ambientale) presentata alcune settimane fa. 

Durante l’incontro, durato oltre un’ora, a cui hanno partecipato anche dei rappresentanti dell’associazione Cittadini Insieme, sono stati resi noti il parere tecnico atteso dall’Ente Provincia e le osservazioni contro il progetto presentate da Cittadini Insieme col supporto di Comitato per una Terra a misura d’Uomo di Menaggio, la Cruna del lago della Tremezzina, nonché Legambiente, Lipu e WWF.
L’ente provinciale ha espresso un secco no accreditando così le richieste ed i dubbi contenuti nei documenti di osservazioni sopra citati. 

il prato dove sorgerebbe il nuovo campeggio photo © Giovanni Salici il prato dove sorgerebbe il nuovo campeggio photo © Giovanni Salici il prato dove sorgerebbe il nuovo campeggio photo © Giovanni Salici
il prato dove sorgerebbe il nuovo campeggio photo © Giovanni Salici il prato dove sorgerebbe il nuovo campeggio photo © Giovanni Salici il prato dove sorgerebbe il nuovo campeggio photo © Giovanni Salici
il prato dove sorgerebbe il nuovo campeggio photo © Giovanni Salici il prato dove sorgerebbe il nuovo campeggio photo © Giovanni Salici il prato dove sorgerebbe il nuovo campeggio photo © Giovanni Salici

il prato interessato al progetto del nuovo campeggio – photo © Giovanni Salici

Oggi inoltre, la RAI 3 è intervenuta sul luogo girando alcune interviste sull’argomento in questione; presenti ed intervistati il (altro…)

E gli uccelli stanno a guardare

martedì, novembre 11th, 2008

E gli uccelli stanno a guardare

 
Lago del Piano, 11 novembre 2008
Continuano le proteste di comuni cittadini, imprenditori e comitati civici, nonché quelli ambientalisti come Lipu, Legambiente, WWF, riguardo al progetto dell’insediamento di un nuovo campeggio in quel della Riserva del Lago del Piano

piana di Harris photo © Giovanni Salici piana di Harris photo © Giovanni Salici
piana di Harris photo © Giovanni Salici piana di Harris photo © Giovanni Salici
piana di Harris photo © Giovanni Salici piana di Harris photo © Giovanni Salici

E gli uccelli stanno a guardare, poiana – photo © Giovanni Salici

Mentre si attende l’appuntamento del 13 novembre, data nella quale verrà presentata al municipio di Carlazzo alle ore 10,  la valutazione ambientale (VAS) da parte dei fautori del progetto, il movimento di raccolta firme e di presentazione delle osservazioni, continua, incessante, da parte di chi è contrario al progetto.

Da più parti si solleva il problema del danneggiamento ambientale che ciò porterebbe. Al di là dei classici problemi paesaggistici (che troppo spesso vengono calpestati al grido di un falso progresso) questa volta vi sono da considerare anche valutazioni di occlusione di corridoi di passaggio di ungulati ed altri mammiferi che si spostano periodicamente tra le pendici del Galbiga e lo specchio d’acqua, fonte di abbeveraggio. Inoltre i prati interessati dall’ipotetico campeggio con annesso servizi commerciali, risultano essere particolarmente indicati (per la loro “umidità”) come zona di ricerca di cibo per la ormai diffusa ma protetta avifauna residente e/o migratoria. Altresì risulta evidente che un territorio così umido non si presta per campeggiatori, già spesso con problemi di umidità in ambienti più soleggiati.

Si è sollevato ulteriormente anche un problema (altro…)

Attenzione a quello splendido ecosistema della Riserva del Piano

martedì, novembre 4th, 2008

Un nuovo allarme perviene dalla piana del porlezzese. A richiamare l’attenzione è l’Associazione locale “Cittadini insieme” che si occupa da anni della salvaguardia del territorio, dell’ambiente e del paesaggio.


Una parte della piana agricola costituita dagli ultimi prati a sfalcio di San Pietro Sovera, nel comune di Carlazzo, potrebbe scomparire per lasciare posto ad un nuovo campeggio con annessi serivizi bar, ristorazione, piscina, negozi e parcheggi che snaturerebbe definitivamente la sua vocazione, con gravi danni per l’immagine turistica del fondovalle, del paesaggio e dell’alto valore naturalistico sul quale l’area insiste, poiché essa, che rimane a stretto contatto con la Riserva Regionale “Lago di Piano”, è stata riconosciuta Sito di Importanza Comunitaria dall’Unione Europea proprio per la sua importanza floristica e faunistica“. Così si pronuncia un rappresentante dell’Associazione, che rimarca: “Costruire un campeggio ai piedi del monte Galbiga, posto tra due famose frane che lo videro protagonista sia in un lontano passato (dove oggi rimane il ricordo dell’Oratorio di S.Maurizio riportato alla luce dagli scavi degli anni ’60) sia in un passato più recente (con la frana della Valle Granosa che implicò la chiusura definitiva dell’ex Camping La Rivetta) non pare essere una buona soluzione nemmeno per l’incolumità e della sicurezza di chi andrebbe poi a soggiornarvi. In questo senso crediamo sia importante che la popolazione venga a conoscenza delle scelte che gli enti locali preposti si assumono, al fine di individuare successivamente eventuali responsabilità”.

La notizia ha provocato preoccupazione anche all’associazione “La Cruna del Lago” che così valuta la notizia dell’intervento annunciato: (altro…)

Costruire il Lago ? – convegno di ITALIA NOSTRA a Tremezzo

mercoledì, settembre 17th, 2008

II° Convegno di ITALIA NOSTRA Costruire il lago?

Tremezzo, 17 settembre 2008
Si svogerà a Tremezzo nelle sale adiacenti la parrocchiale, il secondo convegno di ITALIA NOSTRA dal titolo Costruire il lago? .
Già dalla prima edizione lo scorso anno a Como, il convegno ha fatto parlare si se, dando degli scossoni mediatici a quello che sembrava un inesorabile destino del Lario, quello di essere svenduto.
La qualità dei relatori e l’impegno preso dalla associazione che vuol portare l’intero Lago di Como sotto la protezione dell’UNESCO, rendono questo appuntamento l’unico vero punto di riferimento del genere per chi si è impegnato a contrastare questo scandaloso fenomeno che vede il Lario sotto assedio da gru e personaggi senza scrupoli il cui solo dio è il denaro. (altro…)