Posts Tagged ‘Corriere di Como’

Cormorani in provincia di Como – un comunicato congiunto emanato da Lipu WWF Legambiente e Per una Terra a misura d’Uomo

domenica, dicembre 6th, 2009

Cormorani in provincia di Como

appello ad una corretta informazione
ed una richiesta: No agli ”abbattimenti selettivi”

Gentili amici,

nella speranza di sentire e leggere in futuro notizie confortate da dati certi, nella speranza che si ponga fine alla richiesta di “abbattimenti selettivi” ogni qualvolta una specie animale cresca semplicemente di numero,
Vi chiediamo, se Vi ritrovate idealmente nel documento sottostante, di inviarlo (come abbiamo fatto noi) sia agli indirizzi e-mail sottoscritti, sia ai Vostri amici o conoscenti che pensate possano nuovamente re-inviarlo agli indirizzi e-mail indicati e ad altre persone.
Lo scopo è quello di riportare (altro…)

Sparare ai Cormorani: si comincia sparando informazioni inesatte

venerdì, novembre 20th, 2009

REDAZIONALE
Tra il Lario ed il Ceresio, 20 novembre 2009
Si stanno dicendo e scrivendo molte inesattezze in questi giorni riguardo a quello che alcuni definiscono “il problema dei comorani”. Inesattezze spesso dettate da non conoscenza scientifica ne logistica, riguardo a una specie animale tra quelle che più ha rischiato l’estinzione 30 anni fa, e che ora, grazie a tenacia, fortuna, leggi europee di salvaguardia (si perchè l’Europa ha leggi che lo stato italiano seguita a “derogare” o meglio a “imbarbare”) oggi si può dire sia temporaneamente salvo.

Bisogna smettere di stare in Europa e pensare ai propri giardinetti. Ci sono leggi di protezione! Soprattutto ci sono leggi! Altrimenti le stesse istituzioni avvallano il pensiero che “la legge non è uguale per tutti”.

Il temporaneo è d’obbligo quando (altro…)

Pian di Spagna, nostro servizio sulla migrazione

venerdì, ottobre 2nd, 2009

Pian di Spagna, nostro servizio sulla migrazione pubblicato sul Corriere di Como di venerdì 02 ottobre 2009 pag 08-09

Il servizio fotografico con tutte le immagini realizzato negli ultimi 2 anni.
Lo scritto è della giornalista Chiara Favero del Corriere di Como.
Corriere di Como di venerdì 02 ottobre 2009 pag 08-09
(può essere lento nello scaricare e visualizzare, abbiate pazienza nell’attendere la visualizzazione)

immagini relative al reportage sugli uccelli migratori e stanziali ed inanellamento scientifico presso la Riserva Naturale dei Pian di Spagna

richieste di immagini ad Archivio Fotografico Giovanni Salici
© Giovanni Salici
All right reserved

Ritrovati gli arredi dell’ultima notte del Duce

mercoledì, novembre 26th, 2008
arredi Mussolini photo © Giovanni Salici arredi Mussolini photo © Giovanni Salici arredi Mussolini photo © Giovanni Salici
arredi Mussolini photo © Giovanni Salici arredi Mussolini photo © Giovanni Salici arredi Mussolini photo © Giovanni Salici
arredi Mussolini photo © Giovanni Salici arredi Mussolini photo © Giovanni Salici arredi Mussolini photo © Giovanni Salici

entriamo nella stanza con gli arredi originali dell’ultima notte di Mussolini
photo © Giovanni Salici

Dopo oltre trent’anni sono stati ritrovati gli arredi originali dell’ultima notte di Benito Mussolini e Claretta Petacci.

arredo Mussolini photo © Giovanni Salici arredo Mussolini photo © Giovanni Salici arredo Mussolini photo © Giovanni Salici
arredo Mussolini photo © Giovanni Salici arredo Mussolini photo © Giovanni Salici arredo Mussolini photo © Giovanni Salici
arredo Mussolini photo © Giovanni Salici arredo Mussolini photo © Giovanni Salici arredo Mussolini photo © Giovanni Salici

la cassapanca con la stoffa e le vettovaglie
originali dell’ultima cena di Mussolini
– photo © Giovanni Salici

La storia in breve narra di due ipotetiche versioni dei fatti.
Una afferma che il duce e consorte dopo aver passato la notte in Casa De Maria a Mezzegra, sul lago di Como, furono presi e portati a Giulino di Mezzegra e qui fucilati davanti al famoso cancello di Villa Belmonte.
L’altra versione invece narra che il duce fu fucilato durante la notte all’interno della Casa dei De Maria ed in seguito portato davanti al cancello per una fucilazione “di scena”.

Resta il fatto che molti dei testimoni ormai sono defunti e che la verità probabilmente mai si saprà.
Resta anche il fatto che in entrambe le versioni (altro…)