morto Gunter Grass

Gunter Grass al Piccolo Teatro di Milano nel 2001

photo Laura Tirinzoni
Gunter Grass al
Piccolo Teatro Milano nel 2001

morto Gunter Grass
di Laura Tirinzoni

lunedì 13 aprile 2015
Oggi è scomparso Gunter Grass, scrittore e poeta di riferimento per molti.
È il padre di Oskar Matzerath, il protagonista de “Il tamburo di latta“.
Gunter Grass ha incontrato il mio gusto artistico, estetico e la mia sensibilità. Ho sempre apprezzato il suo modo di essere ironico, provocante, grottesco e la sua capacità di comunicare in modo non convenzionale, disarmante, complicato e semplice allo stesso tempo.
Un uomo che ha commesso degli errori (ha confessato di aver militato per un breve periodo in età giovanile nelle SS hitleriane come volontario durante la seconda guera mondiale), ma che ho ammirato per il suo impegno civile (si batté per il dialogo est-ovest, criticò la Merkel per non aver aiutato i greci, accusò Israele per essere un vero pericolo in Medio Oriente per il possesso dell’atomica) .

I suoi romanzi sono popolati da personaggi al limite, talmente ben caratterizzati, talmente alternativi che non possono non conquistare il lettore!
Gunter Grass ha affidato il compito di portavoce della propria epoca storica e probabilmente del proprio pensiero, a individui deformi e anche un po’ brutali. Nella trilogia di Danzica, infatti,la forza dei personaggi è paradossalmente e grottescamente data dalla loro pazzia o dalle loro deformità fisiche: ne “Il tamburo di latta” Oskar Matzerath è un nano che ha deciso di ribellarsi allo stato di cose decidendo all’età di tre anni di non cresecere più, inseparabile dal suo tamburo di latta (dono del suo terzo compleanno), utilizza la sua voce distruttiva e il suo comportamento un po’ indisponente per esprimere la sua rabbia; in “Gatto e topo” invece Mahlke è caratterizzato da un vistoso pomo d’adamo, tanto grande che si muove quasi da solo alla maniera di un topo quasi a doversi difendere costantemente da un ipotetico gatto (metafora della società); in “Anni di cani” invece Amsel è bravissimo a costruire spaventapasseri.

Gunter Grass è nacque a Danzica nel 1927 ed è morto questa mattina a Lubecca all’ età di 87 anni.
Scrittore, poeta, saggista, drammaturgo, scultore e disegnatore.
Il suo capolavoro è considerato il romanzo “Il tamburo di latta”.
Premio Nobel per la letteratura nel 1999.
Gunter Grass ha sempre avuto un ruolo attivo sia in ambienti letterari, rappresentante del movimento del dopoguerra denominato Gruppo 47, sia nell’impegno civile e politico a favore del partito socialdemocratico e in difesa dei diritti umani.
Gunter Grass si è sposato due volte, ha avuto quattro figli e ha vissuto per un certo periodo in India, a Calcutta.

© Laura Tirinzoni
All rights reserved
Tutti i diritti sono dell’autore

leggi anche gli ultimi articoli pubblicati su GSnews


“Il tamburo di latta”, “Poeta”, Adolf Hitler, Angela Merkel, articoli, articolo, attualità, cronaca, Cronaca nazionale, dead, death, deceduto, eventi, fotografie, GiovanniSalici News, GSnews, Gunter Grass, immagini, Laura Tirinzoni, morte, morto, muore, news, notizia, notizie, Oskar Matzerath, photo, picture, pictures, poetry, scomparso, scrittore, SS, writer

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply