Dimostranti, delinquenti da stadio, polizia.
C’è qualcosa che non va!

Dimostranti, delinquenti da stadio, polizia.
C’è qualcosa che non va!
Editoriale

Milano, giovedì 12 dicembre 2013
Ieri a Milano ci sono stati momenti di grande tensione per via della solita partita di calcio e di quello che ne deriva, tra i tifosi olandesi ubriachi e … e non si sa chi? Prima con i dimostranti dei forconi in Loreto, poi tra la vie del centro, poi forse infine coi “tifosi” milanisti.
Si contano circa una decina tra feriti di arma da taglio e contusi, più o meno gravi. Per un accoltellato la prognosi oggi pomeriggio era ancora riservata.

Sono rimasto allibito, non dal fatto che il calcio di oggi tutto è tranne che sport. E’ economia (sporca aggiungo io), è intrallazzo (dimostrato dai fatti di cronaca da vent’anni a questa parte), è politica (c’è da spiegare?), anche a livelli bassi di provincia il motivetto cambia poco.
No, sono rimasto allibito per quanto accaduto durante l’intera giornata di ieri a Milano.
A parte l’attacco portato da questi personaggi ai dimostranti dei forconi in Loreto (ed ora che nessuno mi venga a dire che c’erano i black block tra loro), nel primo pomeriggio in pieno centro dietro il duomo, un numero di circa 300 olandesi ubriachi (dati della questura) hanno attaccato il Milan point e girato indisturbati per le vie.
Ora io vorrei sapere una cosa: ma perché le istituzioni, la polizia, i carabinieri, sono sempre pronti a manganellare i dimostranti “sociali-politici” e finiscono sempre col “contenere” col “controllare” i delinquenti “da stadio” ?
Allora?! Da che parte dovrebbero stare?

A Genova per il G8 ormai sappiamo tutti com’è andata. Sono fatti riportati dai verbali delle stesse istituzioni.
Nelle dimostrazioni contro i No Tav si arriva quasi sempre allo scontro.
A Roma mesi fa per una dimostrazione di mille associazioni civiche (chi per la casa, chi per il lavoro, chi per la sanità…), il manganello era pronto ed è stato usato.
Poi … tutti si ricorderanno invece quella partita UEFA sempre di Genova di un paio di anni fa quando dopo inutili, vergognosi, minuti, mezz’ore, passate a “lasciar sfogare” delinquenti stranieri sugli spalti, anche in quel caso, per non “appesantire” la situazione, la partita fu sospesa, la gente a casa impaurita ad uscire dallo stadio, e loro, i delinquenti dello sport, semplicemente “controllati”.
A me pare che si usino due pesi e due misure.

Io non voglio entrare in una questione politica con questo editoriale, sociale si però!
La gente è stanca!
Non ne può più di questa classe dirigente, di questa fatica di vivere ogni giorno, delle ingiustizie gratuite e la lista andrebbe avanti per pagine.
L’unica cosa apparentemente democratica (visto che la democrazia ormai ha poco valore come parola) che il popolo può fare è dimostrare.
Voi che siete a difesa della gente, fate una riflessione, chi dovete proteggere?
Il popolo, la gente, o chi la sta schiacciando ogni giorno?
Allora chiedo: “è giusto usare il manganello in ogni dimostrazione “contro lo Stato” e non usarlo mai contro i delinquenti veri (quelli armati) che girano ubriachi a gruppi di 300 per le città?”.
C’è qualcosa che non va!

© Giovanni Salici
All right reserved
Tutti i diritti sono dell’autore


Tags: Ajax, articoli, articolo, attualità, calcio, Carabinieri, cronaca, Cronaca nazionale, delinquenti, dimostranti, dimostrazione, football, G8, Genova, GiovanniSalici News, GSnews, hooligans, istituzioni, manganellare, manganello, Milan, Milano, Nederland, news, NL, No Tav, NoTav, notizia, notizie, Olanda, olandesi, partita, polizia, teppisti, UEFA, ultras

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

One Response to “Dimostranti, delinquenti da stadio, polizia.
C’è qualcosa che non va!

  1. […] A chi ha permesso questo senza intevenire con decisione ma soprattutto a chi non ha spauto prevenire una situazione ormai cronica nel nostro paese quando vi sono certe partite di calcio inter…, oltretutto, situazione largamente preannunciata da alcuni eventi delle sera precedente, nonché da […]

Leave a Reply