Cimento invernale kayak 2009, il freddo non li ferma

Cimento invernale kayak 2009

Cimento invernale 2009 photo © Giovanni Salici Cimento invernale 2009 photo © Giovanni Salici Cimento invernale 2009 photo © Giovanni Salici
Cimento invernale 2009 photo © Giovanni Salici Cimento invernale 2009 photo © Giovanni Salici Cimento invernale 2009 photo © Giovanni Salici
Cimento invernale 2009 photo © Giovanni Salici Cimento invernale 2009 photo © Giovanni Salici Cimento invernale 2009 photo © Giovanni Salici

l’attraversamento tra Menaggio e Bellagio – photo © Giovanni Salici
altre immagini qui

Menaggio, 24 gennaio 2009
Capitanati dal mitico Luciano Belloni, esponente di spicco della associazione Sottocosta (la maggiore associazione di kayaker di mare in Italia), un gruppo di 8 kayaker si è cimentata anche quest’anno nel tour definito  Cimento invernale
Le previsioni del tempo sino a ieri pessime hanno ridotto probabilmente il numero dei partecipanti che lo scorso anno era intorno alla trentina; oggi invece, questi atleti impavidi e ben attrezzati hanno sfidato le acque gelide del Lario e sono partiti poco dopo le 10 da Dervio puntando subito la prima attraversata su Rezzonico. La temperatura della mattina era vicino ai 5 gradi fuori acqua ma il lago era comunque calmo ed il gruppo è sceso lungo la sponda occidentale passando quindi da San Siro e, dopo aver attraversato la baia di Nobiallo dove i partecipanti all’evento hanno improvvisato per noi una formazione a stella (vedi foto in -altre immagini-), sono  “spiaggiati” per una breve pausa pranzo a Menaggio. 
Tutto regolare quindi, e dopo qualche panino sono ripartiti traversando prima su Bellagio e da li su Varenna per poi proseguire e ritornare in altolago. La giornata ha fortunatamente visto l’apparizione del sole durante il primo pomeriggio ed una leggera ascesa delle temperature, per cui il gruppo è rientrato in tutta tranquillità. 
immagini Cimento invernale 2009 – photo © Giovanni Salici
Il kayak da mare o lago è una attività che sta vedendo un aumento del numero degli appassionati. Nonostante possa sembrare strano o inconsueto svolgere l’attività nei freddi inverni, in realtà la stagione autunnale ed invernale regala giornate molto emozionanti per le luci che si possono vivere in mezzo al lago, la solitudine non sgradita a chi viaggia in canoa, gli incontri acquatici di tipo naturale e la brezza che sferza la canoa. Mentre l’attività estiva ovviamente più diffusa deve considerare notevolmente l’aumento di traffico di natanti con tutte le cautele del caso. 
Il consiglio? Andate in canoa in ogni stagione.

Domani domenica 24 partenza da Dascio in mattinata per una seconda giornata sul Lago di Mezzola (Riserva naturale dei Pian di Spagna) e la visita al San Fedelino. 

 
© Giovanni Salici
All right reserved

2 commenti su “Cimento invernale kayak 2009, il freddo non li ferma”

  1. Complimenti a questi sportivi!
    Anch’io vado in kajak, ma d’inverno non avrei mai il coraggio!
    Complimenti anche a te Giovanni per il tuo blog.

Rispondi