Ron, un mito in concerto gratuito

Ron, un mito in concerto gratuito

Ron ritratto in interno photo © Giovanni Salici Ron ritratto in interno photo © Giovanni Salici Ron ritratto in interno photo © Giovanni Salici Ron ritratto in interno photo © Giovanni Salici Ron ritratto in interno photo © Giovanni Salici
Ron ritratto in interno photo © Giovanni Salici Ron ritratto in interno photo © Giovanni Salici Ron ritratto in interno photo © Giovanni Salici Ron ritratto in interno photo © Giovanni Salici Ron ritratto in interno photo © Giovanni Salici
Ron ritratto in interno photo © Giovanni Salici Ron ritratto in interno photo © Giovanni Salici Ron ritratto in interno photo © Giovanni Salici Ron ritratto in interno photo © Giovanni Salici Ron ritratto in interno photo © Giovanni Salici
Ron ritratto in interno photo © Giovanni Salici Ron ritratto in interno photo © Giovanni Salici Ron ritratto in interno photo © Giovanni Salici Ron ritratto in interno photo © Giovanni Salici Ron ritratto in interno photo © Giovanni Salici
Ron ritratto in interno photo © Giovanni Salici Ron ritratto in interno photo © Giovanni Salici Ron ritratto in interno photo © Giovanni Salici Ron ritratto in interno photo © Giovanni Salici Ron ritratto in interno photo © Giovanni Salici

Ron ritratto studio – photo © Giovanni Salici 00268-78

Carlazzo, mercoledì 29 giugno 2011
Un ospite che ha fatto la musica italiana d’autore degli ultimi 30 anni salirà sul palco della Festa del Patrono SS Pietro e Paolo a Carlazzo, il prossimo sabato 2 luglio.
Stiamo parlano di Rosalino Cellamare, che a dispetto del nome, nasce nel Pavese, in arte Ron.
Entrato nella storia della musica italiana nel 1971 con “Il gigante e la bambina” inaugura poi la propria carriera d’autore scrivendo la musica di “Piazza grande”, il mitico successo di Lucio Dalla. Nel 1979 un certo Francesco De Gregori e lo stesso Dalla lo chiamano per curare gli arrangiamenti di quella che resterà nella storia come uno dei tour più alternativi e popolari degli anni ’70, ovvero “Banana Republic”.

Ma è forse nel 1980 che Ron ottiene il vero grande successo popolare strameritato con un album melodico, a tratti di solitudine, riflessivo, come “Una città per cantare”, sicuramente ispirato dalle esperienze di cui sopra. Il successo è poi replicato due anni dopo con “Al centro della Musica”. Sono questi due album di Rosalino Cellamare che vi consiglio di trovare, scovare, non possono mancare da una discoteca che si rispetti.
I successi si susseguono negli anni, ci vorrebbero pagine per seguire passo passo la carriera del cantautore. Solo per citarne alcuni significativi: “Joe temerario”, “Le foglie del vento”, “Non abbiam bisogno di parole”, “Vorrei incontrarti tra cent’anni”, che è il successo di un Sanremo 2006.
Attualmente Ron è testimonial dell’ AISLA (Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiorfica).

Lo spettacolo di Ron avrà inizio intorno alle 22,45 dopo il gruppo gli S’Bandati e lo spettacolo comico di Angelo Pintus che inizieranno a partire dalle 19 circa.
L’ingresso è gratuito, non fatevi mancare questa occasione di una serata di musica d’autore con Ron.

Per ulteriori informazioni contattare la pro loco al numero 3927025989 oppure alla mail prolococarlazzo@alice.it

© Giovanni Salici
All rights reserved
Tutti i diritti sono dell’autore

Rispondi