Cultura e Musica durante il Covid-19 fase2

Tag title:<br /> Cultura e Musica, musei, concerti, grandi eventi, non potranno ripartire dopo il Covid19, distanziamento fisico, sanificazioni, ricavi, sono dei problemi non affrontabili in breve tempo; annullati concerti, annullate grandi mostre di pittura: EstivalJazz 2020, Moon & Stars 2020, Monet, Cézanne, Van Gogh, Iole Siena Presidente del Gruppo Arthemisia. Senza Musica e Cultura.<br />


photo © Giovanni Salici – AGSphotoagency.eu All right reserved – Tutti i diritti sono dell’autore
il pubblico i Piazza Riforma a Lugano durante Estival Jazz, 08 luglio 2017 AGS20170708_1664
richieste di immagini ed acquisto sia per pubblicazioni che per privati ad Archivio Fotografico Giovanni Salici

Estate senza concerti
grandi mostre ed eventi annullati anche nella fase2

CO-rona VI-rus D-isease,, Corona virus, coronavirus (CoV), CoV, Covid-19, Covid19, SARS-CoV-2,

Lugano, venerdì 01 Maggio 2020
Cultura e Musica sono dei settori che con difficoltà dovranno affrontare il periodo di perdurata del Covid-19 ma probabilmente anche il dopo, inteso negli anni a venire.

Innanzi tutto bisogna tener conto di alcune problematiche non indifferenti che non riguardano solo la distanza tra il pubblico. I musei e le grandi mostre difficilmente riapriranno a breve. Quasi certamente potranno farlo i piccoli musei e le mostre di limitate dimensioni, musei di grosse dimensioni e le grandi mostre devono fare sia i conti dell’oste sia i conti con la salute pubblica. Aprire un museo o una grande esposizione significa limitare il pubblico a circa il 15% 20% di quello che sarebbe normalmente; questo comporta dei ricavi che per lo più, non coprirebbero i costi (già) sostenuti dalle organizzazioni, le quali devono anticipare le spese ai “donatori-prestatori” delle opere, assicurazioni, trasporto ecc… come comunica anche Iole Siena Presidente del Gruppo Arthemisia in un comunicato di alcuni giorni fa. Questi eventi contano molto sui gruppi di visitatori e le scuole, pubblico ora inesistente almeno sino a ottobre.
Per non pensare che per natura, i musei, non hanno finestre, sono luoghi chiusi con temperature ed umidità controllate, difficili da sanificare tra un gruppo di visitatori e l’altro. Questo è un grande problema per la gestione.

Immagini relative al
concerto dei Bill Evans con Dean Brown Estival Jazz 2016, 09 luglio 2016

© Giovanni Salici All right reserved – Tutti i diritti sono dell’autore
richieste di immagini per pubblicazioni o per l’acquisto ad
Archivio Fotografico Giovanni Salici

La musica ed i concerti avranno anch’essi molti problemi. Per natura ambienti dove le persone sono diverse centinaia o migliaia. Se sanificare un palazzetto può essere “non difficile”, la medesima operazione di un teatro che ha legno, moquette, tessuti, potrebbe esserlo. Poi ci sono i costi di gestione in rapporto al minor numero di pubblico. E le piazze, gli stadi? Certamente non sarà facile nemmeno per questi eventi.
Dstanziare il pubblico anche n questo caso significa molti meno biglietti. Un metro è una distanza considerata la minima di sicurezza (ndr troppo esgua in ogni caso) in ambienti “normali”; ma se concentriamo molte persone, che si muovono per la musica e si muovono perchè c’è un po’ più di spazio vitale, considerando un po’ di euforia e quindi il vociferare, respirare più veloce e emanare goccioline di respiro più durature e volatili.. la distanza di sicurezza dovrebbe aumentare sensibilmente.
Insomma, non sarà facile.

Infatti i segni della non ripartenza in questi settori, anche nella fase 2, è palpabile.
In Svizzera, nel Canton Ticino, I due più grand appuntamenti estivi musicali: Moon & Stars e Estival Jazz, sono stati rinviati al 2021 il primo e, rinviati a data destinarsi il secondo. Annullata sempre a Lugano al MASI Lac l’attesa mostra Monet, Cézanne, Van GoghCapolavori della Collezione Emil Bührle prevista dal 10 maggio al 30 agosto 2020.

In Italia non va certo meglio. I grandi eventi musicali sono incerti almeno sino all’autunno. Nella cultura si potrà contare sui piccoli musei già abituati a ospitare numeri esigui di visitatori. Così come le Ville sui laghi che offrono più stanze con finestre, ma anche in questi casi bisognerà fare i conti con la sanificazione e, non ultima una incognita: ci saranno visitatori?

… e che Dio e la Grande Madre ce la mandi buona…
GiovanniSaliciNews-NotizietraleRive
© Giovanni Salici
All rights reserved
Tutti i diritti sono dell’autore

altri articoli che potrebbero interessarti riguardanti il MASI Lac
leggi anche gli ultimi articoli pubblicati su GSnews
ci trovi anche sul nostro canale YT
nuovo sperimentale canale Telegram GSnewsNTLR

SE TI VA puoi sostenere in questo momento difficile questo sito di informazione libera con una piccola donazione a tua discrezione . Te ne siamo davvero grati!


arte, arte svizzera, Arthemisia, articoli, articolo, attualità, audience, canton Ticino, Cézanne, Ceresio, CO-rona VI-rus D-isease, concerti, Confederazione Helvetica, Corona virus, Coronavirus, coronavirus (CoV), CoV, Covid-19, Covid19, cultura, dipinti, distanza, distanza fisica, distanze sociali, distanziamento sociale, esposizione, estival, Estival Jazz, Estival Jazz Lugano, EstivalJazz, eventi, expo, festival, foto, fotografie, Giovanni Salici, GiovanniSalici News, grandi mostre, GSnews, immagini, Insubria, Iole Siena, Italia, Italy, jazz, JazzEstival, LAC, lago di Lugano, Lugano, MASI, MASI Lac, Monet, Moon & Stars, mostra, museo, Museo Arte Svizzera Italiana, museo MASI, museum, musica, Musica & Spettacolo, news, notizia, notizie, notizietraleRive, palazzetti, photo, picture, pictures, pittura, presidente, pubblico, quadri, Regione Insubrica, sanificazione, SARS-CoV-2, stadio, Suisse, Svizzera, Switzerland, teatri, teatro, Van Gogh

Rispondi