#NaturaStuprata n. 03


photo © Giovanni Salici All right reserved – Tutti i diritti sono dell’autore
plastica abbandonata lungo una roggia nei pressi del Fiume Adda a Morbegno, 01 gennaio 2020 AGS20200101_0024
richieste di immagini ed acquisto sia per pubblicazioni che per privati ad Archivio Fotografico Giovanni Salici

poche parole
la violenza dell’uomo sulla Natura ha varie forme

#NaturaStuprata #plastica #inquinamento #pollution #plasticPollution #plasticfree #SpecieUmanainEstinzione
#RapedNature

Morbegno, mercoledì 01 gennaio 2020
Inizio anno, per non dimenticare le tracce umane sconsiderate in un Mondo che non ci appartiene e continuiamo a maltrattare usandolo come discarica degli scarti della nostra inutile vita.
#SpecieUmanainEstinzione

GiovanniSaliciNews-NotizietraleRive
© Giovanni Salici
All rights reserved
Tutti i diritti sono dell’autore

leggi e guarda altri articoli riguardanti #NaturaStuprata
leggi anche gli ultimi articoli pubblicati su GSnews
ci trovi anche sul nostro canale YT
nuovo sperimentale canale Telegram GSnewsNTLR


#NaturaStuprata, #NaturaViolata, #plasticPollution, #RapedNature, #SpecieUmanainEstinzione, ambiente, articoli, articolo, educazione ambientale, Fiume Adda, fotografie, Giovanni Salici, Giovanni Salici per l’ Ambiente, Giovanni Salici per l’Ambiente, GiovanniSalici News, GiovanniSaliciAmbiente, GSnews, habitat, immagini, inquinamento, Morbegno, news, notizia, notizie, notizietraleRive, photo, picture, pictures, plastica, plasticfree, pollution, river, snow, Sondrio, tree, trees, uomo, Valtellina

Un commento su “#NaturaStuprata n. 03”

  1. Sante parole! E aggiungo io: tracce indelebili, perchè non so quante migliaia di anni ci vorrebbero prima di poter rimediare ai danni causati dalla nostra specie.
    Nella misura in cui c’è disordine nell’anima dell’uomo, ecco che tale squilibrio viene necessariamente a riflettersi sul mondo. Al riguardo del titolo del post, natura stuprata, secondo me si ha un primo stupro che è innanzitutto quello subito dall’uomo che ha dimenticato il senso della sua esistenza ed è stato violentato da una mentalità iperrazionalistica, ma vi è anche lo stupro che tale uomo degradato, ha compiuto di conseguenza sulla natura, considerata ormai come un qualcosa d’esterno a lui, da sfruttare senza alcuna riserva.
    Credo che siamo arrivati a un punto di non ritorno…

Rispondi