luci accecanti


photo © Giovanni Salici All right reserved – Tutti i diritti sono dell’autore
uno spettacolo pirotecnico di questi anni a Menaggio, Lago di Como AGS201509_Fireworks
richieste di immagini ed acquisto sia per pubblicazioni che per privati ad Archivio Fotografico Giovanni Salici

Metafora e realtà? Descrizione fantastica o cronaca di un futuro imminente?

Editoriale
Menaggio, martedì 14 agosto 2018
Siamo nel pieno dell’estate, nel bel mezzo di una luce accecante che presto lascerà spazio alle tenebre del lungo inverno.
Metafora e realtà? Descrizione fantastica o cronaca di un futuro imminente?
Spazio di riflessione!

Se l’Umanità si possa definire di per se abbastanza o molto creativa, il singolo uomo più comunemente gode di grande “piattismo” mentale. Crede di trovare innovativi percorsi che presto la massa seguirà senza troppo riflettere sui perchè e percome, sui pro ed i contro. Il risultato è una società per molteplici aspetti dissestata sotto gli occhi di tutti. Persino degli artefici di ciò che a volte restano stupiti.

Come detto, molteplici aspetti e problemi che, ovviamente, non ci sogniamo di risolvere, ma esaminiamone uno. Che per la maggior parte di chi leggerà, non è un problema e magari pensa che il sottoscritto sia sotto effetto del solleone.

Esaminiamo questo aspetto decisamente estivo visto che è il tempo.
Come non notare la ormai ventennale gara di fuochi artificiali che ogni comune porta avanti durante questa stagione.
Ve li siete persi? Non c’è problema. Oggi un altro comune con la sua bella “proloco” organizza spettacolo pirotecnico. Domani un’altra poco distante.


photo © Giovanni Salici All right reserved – Tutti i diritti sono dell’autore
rifiuti lasciati e non tempestivamente raccolti sporcizia1web
richieste di immagini ed acquisto sia per pubblicazioni che per privati ad Archivio Fotografico Giovanni Salici

Ogni sera su è giù per il Lago di Como (ma ovviamente non solo qui), migrazioni di popoli con le loro latte motorizzate calpesteranno quelli che normalmente sono prati o aiuole, ma che per l’occasione diventano parcheggi e bivacchi. Non meno i passi carrai non lo sono più, le proprietà private saccheggiate di posti auto se non debitamente protette da catene tese. Flotte di automobili che abbastanza diradate arrivano nelle località turistiche, ma che poi ripartono tutte insieme ferme immediatamente poco dopo coi motori accesi, al primo stop, al primo semaforo, semplicemente al primo ingresso in carreggiata di qualcuno che sta “sparcheggiando”.
Fumo dagli scarichi, fumo dai finestrini per poi gettare a terra i mozziconi, fumo che scende dal cielo dopo gli spari artificiali: spettacoli per i polmoni.

Ma questo è solo un aspetto dei Fuochi Pirotecnici. Una stima dai 20 mila ai 100-120 mila euro letteralmente bruciati per ogni Comune ogni sera.
Quanto guadagnate voi al mese? Ecco, prendete quello che guadagnate in un sol mese, immaginate di dargli fuoco. Com’è la sensazione?
Migliaia di euro bruciati in un anno da Provincie, Comuni, Proloco, quando con gli stessi soldi si potrebbero pagari tanti affitti di gente in difficoltà, si potrebbero allestire biblioteche od aacquistare materiale didattico per gli studenti di famiglie disagiate. Si potrebbero risolvere i problemi di un singolo comune per raccogliere meglio i rifiuti nelle strade.
Ah si! Parliamo anche dei rifiuti che la “flotta” lascia ogni volta dopo che abbandona a se stessa l’area interessata.
Plastica lasciata in spiaggia, sotto le panchine, per non parlare dei mozziconi di sigaretta buttati nel lago.
Ah si! Parliamo del lago, ove finisce di tutto compresi anche i residui dei fuochi pirotecnici…
Ah si! Parliamo anche di questi residui. Polveri sottili che discendono dal cielo mentre tutti voi siete a faccia in su guardando “lo spettacolo”, respirando “lo spettacolo” che entra nei vostri polmoni.
E magari siete proprio quelli che sono contrari ai Diesel perché inquinano (dicono)?


photo © Giovanni Salici All right reserved – Tutti i diritti sono dell’autore
rifiuti sulla spiaggia in centro a località turistica, agosto 2018 AGS20180814_0040
richieste di immagini ed acquisto sia per pubblicazioni che per privati ad Archivio Fotografico Giovanni Salici

Conclusione, questi spettacoli pirotecnici inquinano, entrano nei nostri polmoni, creano stress ai vostri animali domestici, sono costosissimi e …
…. portano denaro? A chi? Ai baristi e ristoranti? E a te che fai l’imbianchino, il muratore o il giardiniere o l’avvocato che porta?
Non pensate che invece di bruciarli, questi euro, i comuni o provincie potrebbero investirli anche dandovi lavoro.
Ma perchè i Comuni si lamentano sempre che mancano i soldi e poi li bruciano (o li lasciano bruciare alle Provincie)?

E sono sempre così entusiasmanti?
A voi non sembra che vi sia un piattume creativo nel turismo locale?
Sempre Fuochi, feste di birra e salamelle, soliti mercatini ormai desueti ed identici all’anno prima, il solito festivalino grande solo per quel comune…. od una delle tante ormai notti di colore diverso ma uguali nel contenuto, che spesso tanta la sorpresa ormai finita, si riducono a mezze notti o serate che concludono in poche ore.


photo © Giovanni Salici All right reserved – Tutti i diritti sono dell’autore
immagini d’archivio sui rifiuti lasciati sulle spiagge AGS20111127_0917
richieste di immagini ed acquisto sia per pubblicazioni che per privati ad Archivio Fotografico Giovanni Salici

Dov’è l’inventiva, l’ innovazione e sopratutto dove sono le capacità intellettive nel comprendere che quei denari bruciati sarebbero tocca sana per molti problemi piccoli o grandi delle nostre comunità?

GiovanniSaliciNews-NotizietraleRive
© Giovanni Salici
All rights reserved
Tutti i diritti sono dell’autore

leggi anche gli ultimi articoli pubblicati su GSnews
se ti interessa leggi anche altri editoriali


articoli, articolo, artificiali, artificio, attualità, Ceresio, Como, comune, Cronaca locale, cultura, daily news, Ente Provincia, folla, fotografie, fuochi, GiovanniSalici News, GSnews, immagini, immondizia, inquinamento, lago di Lugano, Lario, lake, lake Lugano, Lugano, news, notizia, notizie, notizietraleRive, photo, picture, pictures, plastic, plastica, pm 10, PM10, pollution, polveri sottili, rifiuti, soldi bruciati, spettacolo pirotecnico, spiaggia, tourism, turismo, turistico

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

2 Responses to “luci accecanti”

  1. Carlo ha detto:

    e che pena quell’elenco di sponsor che si illudono di ricevere gratitudine monetaria: presto, acquistiamo da loro che ci hanno fatto divertire (rintronare) anche quest’anno!

  2. Dreamer ha detto:

    Parole sante Gio!
    Comuni senza soldi, debito pubblico alle stelle, notizie disastrose che si susseguono una dopo l’altra, ma si bruciano letteralmente migliaia di euro per spettacoli pirotecnici, uno sperpero che potrebbe tranquillamente essere eliminato senza causare disagi a nessuno.
    Ci si dovrebbe chiedere, in tempo di bilanci magri e fondi e servizi essenziali tagliati dai comuni, COME, DOVE e PERCHE’ coscientemente si trova denaro da mandare in fumo con i fuochi d’artificio?
    “Il buon senso c’era; ma se ne stava nascosto, per paura del senso comune”. (A.Manzoni).

Leave a Reply