I gabbiani della canfora di Menaggio

Menaggio, sabato 17 ottobre 2009 h 17.35

I gabbiani della canfora di Menaggio
(verde rosso blu, bianco)

Bianchi triangoli,
muovono veloci,
ripetuti e stagliati,
nell’ultimo blu,
d’autunno.

Come un rubino,
quel dono,
sulla chioma,
elegante e regale,
li aspetta.

L’ultime saturazioni
verde rosso blu,
volano via,
sui bianchi triangoli.

I gabbiani della canfora di Menaggio

© Giovanni Salici
All right reserved

I gabbiani della canfora di Menaggio:
c’è una bella pianta di canfora, nel giardino comunale di Menaggio, da quando ero bambino era già lì chissa da quanto tempo, sin quando qualcuno magari si sveglierà di malumore la mattina e deciderà che siccome lascia cadere qualche foglia ogni tanto, bisognerà abbatterla per “riqualificare” l’area…. scusate la divagazione ambientalista…. dicevo, proprio di fianco alla biblioteca…

In questo periodo si possono ammirare voli regolari di stormi di gabbiani che festeggiano i frutti ormai maturi di questa elegante creatura. Li si osservi con serena tranquillità, dedicando loro alcuni minuti della nostra vita troppo spesso inutilmente frenetica, volare liberi attorno alla chioma verde, nel tentativo, non sempre facile, di beccare queste bacche, ora pressoché nere. Per alcuni minuti li vedrete, meravigliosamente, soprattutto se il loro candore si staglia nel blu del cielo o nel verde dell’albero, appena punteggiato dalle nuove foglie di un rosso accesso.
Giovanni Salici

Cinnamomum camphora
Canfora-Lauraceae

Generalità: albero sempreverde di dimensioni variabili, tra i 20 e i 35 metri di altezza, originario dell’Asia. Ha fusto eretto e possente, con chioma tondeggiante ed allungata, densa, ben ramificata; la corteccia è grigio-marrone, solcata da profonde fessure. Le grandi foglie ovali, leggermente appuntite, sono di colore verde scuro, appena spuntate sono soffuse di un bel rosso vivace, solcate longitudinalmente da venature di colore verde chiaro; in primavera produce corte spighe composte da piccoli fiori bianco crema, poco appariscenti, seguiti da bacche tondeggianti, rosse, diventano nere quando sono mature. Da questo albero un tempo si estraeva l’olio di canfora, utilizzato in erboristeria e per allontanare gli insetti; quest’olio, molto aromatico, è contenuto in tutte le parti della pianta, è tossico per l’uomo se ingerito in grandi quantità. Sembra che l’ingestione dei frutti da parte degli animali sia causa di sterilità. (altre informazioni botaniche e giardinaggio)

Classificazione scientifica
Regno: Plantae
Divisione: Magnoliophyta
Classe: Magnoliopsida
Sottoclasse: Magnoliidae
Ordine: Laurales
Famiglia: Lauraceae
Genere: Cinnamomum
Specie: Camphora
Nome scientifico
Cinnamomum camphora

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: